k

A PIEDI VERSO L'OCeano

02 maggio 2022 San Giuliano (AL)

Sei nel posto dove hai bisogno di essere. Solo respira.

È scritto su un poster nel bar dove sto facendo colazione a Rivanazzano Terme poco distante da dove ho dormito ieri notte, mi sembra azzeccata come frase.

Stamattina sveglia all'alba, via sulla ciclabile fino a questo paese e poi lungo la SP 196, che dopo qualche km diventa SP 99. Eh si, cambia nome perché cambio regione, lascio la Lombardia ed entro in Piemonte, nella provincia di Alessandria. È una bella sensazione, passare da un capo all'altro di una regione facendola tutta a piedi. Una delle particolarità di viaggiare così, è che sembra di non spostarsi minimamente, invece piano piano si attraversano comuni, provincie, regioni, stati…e ogni tappa è una grande soddisfazione.

Sto puntando alla città di Tortona, la strada è parecchio trafficata ma sono tranquillo perché i veicoli non vanno molto veloci.

Arrivo al paese di Viguzzolo, un ragazzo mi ferma e mi racconta che ci sono altri viaggiatori a piedi in giro per l'Italia. Poco dopo si fermano Amneris e Gianni, lei è di Venezia, lui è del posto, entrambi grandi viaggiatori, mi invitano a bere qualcosa assieme. Chiacchieriamo per parecchio, credo un'ora, mi raccontano dei loro viaggi, e mi spiegano che li vicino c'è il paese natale di Giuseppe Pellizza da Volpedo, il pittore del '900 che ha dipinto "quarto stato". Non lo sapevo. Una bellissima e istruttiva chiacchierata, ci salutiamo con un grande abbraccio e ci auguriamo buon viaggio.

Arrivo a Tortona, non so perché ma questa cittá non mi piace, non ho una bella sensazione passandoci. Entro in un supermercato e prendo qualcosa di pronto, mi fermo al parco e mangio li. Mi guardo in giro e non mi sento tranquillo, se dovessi per qualche motivo estremo dormire in questa cittá non mi sentirei a mio agio. Non che ci sia qualcosa o qualcuno che me lo faccia pensare, è solo una sensazione. Devo aggiungere però, che ci sono rimasto poco, quindi potrebbe essere anche una sensazione mal interpretata o dettata dalla stanchezza.

Continuo sulla SR10 verso Alessandria, ho fatto due calcoli sulla distanza e ci arriverò domani. Non mi piacciono le grandi cittá quando viaggio a piedi, per vari motivi: per passarle impiego in sacco di tempo, ci sono marciapiedi, incroci, rotonde, che col carretto diventano impegnativi. C'è troppo caos, troppe macchine, la gente spesso va di fretta e difficilmente mi chiedono del viaggio o si fermano a chiacchierare. Per arrivarci spesso ci sono solo grandi strade molto trafficate che a me non piacciono proprio, poi l'aria non è pulita e respirabile come tra i boschi e le campagne. Comunque a circa 10 km da Alessandria c'è il paese di San Giuliano, punto li per stanotte.

Appena uscito da Tortona sento il suono delle sirene, le conosco bene queste: sono quelle dei vigili del fuoco. Infatti poco dopo passa l'APS ( Autopompa serbatoio) Volvo, fa sempre un certo che vederli passare, e oggi mi ha fatto provare anche un po' di nostalgia.

Arrivo a San Giuliano nel pomeriggio, il sole è ancora alto e ne approfitto per un gelato e qualche chiacchiera con la signora del bar. Le chiedo se sa dove posso piantare la tenda per la notte, lei un po' perplessa per la domanda, pensandoci su, mi indica due posti che potrebbero fare al caso mio. Purtroppo uno dei due è il parco cittadino che però è chiuso a chiave, provo l'altro vicino alla stazione ma neanche questo va bene.

Ecco che come tutte le sere scatta il gioco: "alla ricerca del posto dove piantare la tenda". Giá il titolo spiega parecchio, ma ci sono alcune regole da rispettare: - possibilmente lontano dalla strada per evitare i rumori delle auto, - posto tranquillo dove non do fastidio e nessuno venga ad infastidire me - il piú possibile sul percorso senza dover uscire troppo dal tragitto - avere la visione ad est libera da ostacoli in modo che appena sorge il sole la tenda inizi ad asciugarsi dall'umidità della notte - se è un parco cittadino meglio, ma aspetto il calare del sole per piantare la tenda per non dar fastidio - un posto dove non ristagni l'acqua in caso di pioggia - se è nascosto va molto bene

Se per qualche strano caso, queste regole non sono applicabili, chissenefrega e pianto la tenda dove capita.

Provo a vedere vicino al cimitero dove di solito c'è un parco o comunque un prato, ma il posto non mi ispira. Chiedo ad un signore se posso piantarla nel prato vicino a casa sua ma non è suo e mi dice che è meglio di no. Adocchio alcuni alberi, perfetto, chiedo a dei passanti se è un problema piantare li la tenda e loro mi dicono di andar tranquillo. L'erba è alta e la tenda si mimetizza alla perfezione.