k

A PIEDI VERSO L'OCeano

09 giugno 2022 Tarbes (Occitania)

09.06.2022 Tarbes (Occitania)

Via verso Tarbes. Qualche settimana fa avevo deciso di fare un pezzo di strada in treno.

Per l'esattezza da Mazemet a Tarbes. I motivi erano vari: non avevo voglia di passare vicino a Tolosa, dalla mappa sembrava fosse tutta pianura tra i campi, che ci fossero molte città e che per starci distante avrei dovuto allungare di molto la strada. In realtà il tutto era partito dal fatto che consideravo di arrivare ad Albi, che è piú a nord di Mazemet. Scegliendo la valle piú in basso, quella con la pista ciclabile sulla vecchia ferrovia, sono arrivato molto piú a sud, appunto a Mazemet e quindi superare Tolosa rimanendoci distante, non era piú un problema e la pianura in realtà erano colline coltivate. Piccolo errore di calcolo. Fatto sta che alla fine a Tarbes ci sono arrivato a piedi. E sono molto contento di questo. Ieri ho camminato parecchio quindi oggi per arrivare a Tarbes ho molta meno strada. Su e giú per le colline ancora per un po'.

Durante la preparazione del pranzo, la pompa del fornelletto a benzina ha deciso di tirare gli ultimi. Userò l'altro, ora però ho un problema di peso. Ho ancora mezzo litro di benzina e non ha senso portarmelo dietro, e non posso buttarlo via così. La soluzione si para davanti qualche ora dopo. Arrivato a Tarbes vedo alcuni giardinieri con rasaerba e decespugliatori, la regalo a loro. La ragazza gentilissima che cerca di capire cosa voglio fare, quando capisce prende una bottiglia e travasa la benzina dalla mia bottiglia di alluminio alla sua. Problema risolto. Ora posso spedire a casa anche questo assieme alle scarpe usate ed alcuni vestiti pesanti che non uso piú.

Entro in città, ho prenotato una stanza in un appartamento, è presto per andarci quindi mi fermo a bermi una birra al primo bar che trovo.

La stanza che ho trovato va benissimo, il padrone di casa è gentilissimo, sono a 500 metri dal centro e vicino c'è una lavanderia automatica. Metto il carretto in garage, prendo su tutto ciò che mi serve e vado nella stanza. Doccia e poi via a vedere la città e mangiarmi qualcosa. Questa mi piace, mi sento tranquillo, c'è movimento ma non è per niente caotica.

Non offre molte cose da vedere e comunque stasera voglio solo mangiare e poi mettermi a nanna in un letto vero.

Trovo un bistrot, mangio un antipasto di pate vari di olive e una grande, bella e buona costata. Qualche passo per digerire e per mantenermi in forma e poi nanna, domani giornata riposo. L'avevo promesso alle mie gambe una volta arrivati a Tarbes.