k

A PIEDI VERSO L'OCeano

03.07.2022 Puente Villarente (Castilla e Leon)

03.07.2022 Puente Villarente (Castilla e Leon)

Anche ieri sera alcuni pellegrini mi hanno ricordato perché preferisco dormire in tenda. Tanto rumore sia ieri sera sia stamattina. Ormai sto iniziando ad abituarmici.

Durante la colazione scambio alcune parole con Rudy, un ciclista abruzzese partito da casa. Troppo simpatico. Riparto salutando e ringraziando tantissimo Antonella e Manolo.

Poco dopo sento una voce che mi chiama, è Rudy, è partito dopo di me e mi ha raggiunto, rallenta e proseguiamo un po' alla stessa velocitá chiacchierando ancora. Bell'incontro davvero.

Riparte e io continuo da solo. Il Cammino costeggia la strada asfaltata, rimango su quella perché Carretto è un po' provato dalle strade sterrate.

Cammino tranquillo, questa parte è un po' monotona quindi ascolto musica canticchio e ballo mentre vado.

A volte riesco ad entrare in uno stato di trance e mi isolo dal mondo. Penso ad un sacco di cose, oppure non penso a nulla. In questo momento sono perso nel nulla.

Ad un certo punto sento una voce che mi saluta, stavolta l'infarto arriva davvero. Non me l'aspettavo proprio.

Due ciclisti si fermano, sono Costanza e Giacomo italiani, stanno promuovendo dei percorsi da fare in bicicletta.

Chiacchieriamo un bel po' lì in mezzo alla strada, passa anche la guardia Civil, io col mio solito sorriso li saluto e loro ricambiano. Sia Giacomo sia Costanza sono viaggiatori e amano camminare, si sono conosciuti in viaggio. Ora stanno scoprendo il mondo delle due ruote.

Parliamo di viaggi e anche loro mi danno parecchi spunti su possibili viaggi futuri.

Nel tardo pomeriggio trovo alcuni pellegrini sul cammino, sicuramente non hanno trovato posto per dormire nell'ultimo paese e quindi sono costretti a proseguire fino al prossimo. Scambio alcune parole con loro, in effetti è così: l'albergue municipale era chiuso e non hanno trovato da dormire. Immagino sia dura dover proseguire per altri 5 - 8 km quando sei convinto di fermarti e riposare. Ma anche questo fa parte del Cammino. Io non ho questo problema perché con la tenda sono autonomo.

Trovo un posto in un parco, mangio e aspetto che vadano via tutti per piantare la tenda e dormire. Ci sono tantissime immondizie forse hanno fatto una festa.

Purtroppo vedo spesso situazioni così qui in Spagna. Tante immondizie sparse in giro che poi puliranno, ma nel frattempo il vento ne avrá portato una parte in giro chissá dove.