k

A PIEDI VERSO L'OCeano

09.07.2022 Triacastela (Galizia)

09.07.2022 Triacastela (Galizia)

Oggi salgo a O Cebreiro, un piccolo paese in cima ad un passo di montagna, forse la salita piú impegnativa del Cammino francese. Ma ho superato le Alpi e i Pirenei, non mi spaventa questo pezzo. Seguo la strada asfaltata perché il sentiero è troppo stretto.

Piccola pausa nel primo paesino che trovo, e poi su verso il passo. Attraverso il confine tra la regione della Castilla e Leon e la regione della Galizia, questa è l'ultima del mio viaggio.

Arrivato al passo vedo una strada che porta in cima ad una montagna. È fuori dal Cammino ma sento di voler salire fino a lí.

Lascio Carretto nel bosco e salgo lungo la strada sterrata, che poi diventa sentiero in mezzo all'erba alta e ai rovi. Ma vado avanti. Arrivo in cima e il panorama è magnifico. Mi manca camminare in montagna.

Mi godo tutto questo per un bel po'. Scendo dalla montagna, recupero Carretto e ritorno sulla strada verso O Cebreiro. Incontro Jo, un ciclista olandese, mi racconta che anche lui è partito da casa in bici.

Arrivo al paese, cavoli, non lo ricordavo cosí messo bene. Ha bar negozi di souvenir, ristoranti e alcuni albergue sia privati sia municipali.

Ritrovo il gruppetto di Diego, loro si fermano li, io vado avanti giú lungo la strada asfaltata, temo che il Cammino sia troppo impegnativo per il mio carretto.

La strada è parecchio lunga, tutta in discesa e a tratti molto ripida. Fa caldissimo e l'asfalto mi restituisce il calore del sole amplificato e condito col suo odore. Faccio alcune pause all'ombra e una in un bar ricavato da una casa ristrutturata fatta di pietre e per questo c'è molto fresco all'interno.

Stanco e dolorante mi trascino fino a Triacastela, cerco un albergue e il primo che trovo fa al caso mio. Mi infilo direttamente sotto la doccia, mi sembra di rinascere. Faccio una lavatrice e poi mi concedo una bella cena. Sono stanchissimo e appena arrivato in camera crollo in un sonno profondo.